Novelle marinaresche di mastro Catrame

di Emilio Salgari

//Novelle marinaresche di mastro Catrame

Novelle marinaresche di mastro Catrame

10,00

Titolo: Novelle marinaresche di mastro Catrame Autore: Emilio Salgari
Editore: Alessandro Polidoro Editore
Collana: Classici
Pagine: 143
Prezzo: 10,00€
Uscita: Ottobre 2018 ISBN: 9788885737150

COD: 9788885737150 Categoria:

Sinossi:

Non avete udito mai parlare di mastro Catrame? No?… Nessuno conosce il suo nome, né dove sia nato o dove abbia vissuto quel vecchio lupo di mare dalla barba bianca, il passo sbilenco e il viso cotto e ricotto dal sole. Uomo di poche parole, superstizioso, terrorizzato dalla terraferma, mastro Catrame ha una grande dote: è un ottimo narratore. Una sera, punito per essere stato trovato ubriaco sulla nave, il capitano gli impone di «sciogliere la lingua» e di raccontare storie per dodici sere. Armato di pipa e bottiglia, e tra la generale incredulità, il marinaio inizia un fantastico viaggio nella memoria, tra vascelli fantasma, naufraghi e sirene…

 

 

EMILIO SALGARI (Verona, 1862 – Torino, 1911) noto soprattutto per essere il padre di Sandokan, iconico personaggio della letteratura italiana, è autore di numerosi romanzi d’avventura. La sua capacità di raccontare mondi ed evocare paesi lontani è oggi oggetto di studio e ne sta permettendo una rivalutazione che va al di là dello scrittore di prodotti di consumo, affermandone invece le doti immaginative e letterarie. Tra le sue opere: I misteri della jungla nera (1895), I pirati della Malesia (1896), Il corsaro nero (1898), Le tigri di Mompracem (1900), Le meraviglie del Duemila (1907).

Prefazione di MAURIZIO VICEDOMINI è scrittore, editor e direttore della rivista culturale Grado Zero. Appassionato di forma breve, studia da anni il racconto. Vince il premio Mondadori Chrysalide nella sua sezione e pubblica diversi libri e racconti, fra cui Ogni orizzonte della notte (Augh, 2017).

Creare uno spazio dedicato ai classici per una casa editrice può significare più cose. Inizialmente volevamo restituire al lettore opere trascurate dalla critica e ormai scomparse dagli scaffali delle librerie, ma ridefinite nella veste grafica e, quando necessario, nell’apparato critico. A questo si è sommata la voglia di scegliere quelle opere che maggiormente riflettono il nostro modo d’intendere la scrittura. Infatti i primi titoli della collana (il presente Typee di Herman Melville e I gioielli indiscreti di Denis Diderot), per quanto numerati per esigenze editoriali, sono da noi intesi come due numeri uno.

Accetto le condizioni Privacy Policy ed il trattamento dati*